ritratto

ritratto
FOTO DI DIEGO VERONESI

sabato 30 novembre 2013

Dalla Materia al Sogno

Mostra personale di sculture e disegni -Galleria B4  Bologna 

dal 26 ottobre al 27 novembre 2013

Presentazione della Prof. Manuela Machella Docente di teoria della percezione e psicologia della forma presso l'Accademia delle Belle Arti di Bologna

www.galleriab4.it

Il Sogno di Maria Cristina


Son fantasie alte e scultoree
che da umida creta vuoi innalzare
Chiudi gli occhi e in un respiro
sgretoli le immagini composte
Resta un Sogno
come corteccia
rugosità di albero
e dalle sue radici
dalla foglia che s'apre
dal petalo di fiore che si avvince
con le mani tempri esili figure
libere ora verso spazi infiniti
dove i profili si perdono


Maria Grazia Spada








giovedì 28 febbraio 2013

Quello che resta di Lucia Boni

Nella scultura, ciò che la forma può dire, è già detto nella forma stessa.

Il compito della parola è percorrere una strada parallela, suggerire scorci, riflessi, rivolgimenti del pensiero, sussulti dello sguardo, altri.

La parola propone un ascolto, che non può  essere a commento della forma, bensì altra forma, per gustare in modo diverso, dare accesso ad un sentire con gli occhi.

Maria Cristina Pacelli sa bene cosa va cercando con le forme, che dà alle proprie sculture e lo dichiara con insistenza.

Vuole fare "emergere un inconscio", perchè non resti astrazione in uno strato di profondità tale da non poter essere percepito, se non dal soggetto che lo genera. Pacelli vuole "comunicare, attribuendo al sommerso una materia sensibile", tanto che le memorie personali assumano stato di corpo e non di essenza.

Non si tratta del corpo che era, ma del corpo che resta, dopo le trasformazioni che la vita e il tempo operano, inesorabilmente.

Nè degenerazione, nè attaccamento al passato, parliamo dunque al presente: la memoria del presente è dar conto di una metamorfosi continuamente in atto.

L'immagine potrebbe essere quella dello scoglio, che affiora o sparisce con la vita del mare, in cui si alterna marea a marea, dove si piega la realtà a categorie: del visibile o dell'invisibile. Non per questo pensiamo che siano perdute, e poi restituite, porzioni di terra, alla superficie dell'acqua, è soltanto la memoria che rende vere ambedue le realtà e si fa testimone di quanto via - via è destinato a cambiamenti.

Ogni realtà è crisalide di se stessa e della propria propensione alla metamorfosi.

La forma, come in una pupa che appare immobile, matura invece nuova vita, nuovo nutrimento, nuovo respiro, di secondo in secondo, interpretando il suo destino di crisalide.

Quando tutto si è compiuto, nei tempi stabiliti, le pupe furiescono dall'involucro ed, in talune specie, questo rimane integro.

Materia che resta, talora forma che resta!

Materia e forma sono testimoni di una vita.

Così la scultura, materia apparentemente bloccata in una forma, come il bozzolo abbandonato dalla crisalide, è espressione del passato che è destinato a rappresentare.

La domanda è:

quella forma e quella materia sono ancora vita?

 E se, dopo l'interferenza con altri processi vitali, ancora subiranno cambiamenti (nell'aspetto e nella sostanza), in quale misura la loro successiva evoluzione conserverà traccia dei precedenti stati?

E ancora in questa ipotesi, una questione che riguarda la memoria e la coscienza.

Per esempio: nella pelle abbandonata sul sentiero della biscia, c'è memoria del contatto con il corpo vitale del rettile?

E un guanto sfilato dalla mano: ne conserva il profumo, ma ne avrà nostalgia?

E c'è nostalgia dell'albero, nelle foglie, una volta cadute?

Cosa resta? Improvvisamente si fa pensiero struggente e una musica, senza volere, l'accompagna: Que reste- t- il de nos amour. [http://youtu.be/hF9FSX0kqr0]

Nessuna tristezza in questo. La memoria di ciò che è stato, vive, ora, a preparare il poi, come dice Lao Tse:

"Ciò che per la crisalide è la fine del mondo, per il mondo è una farfalla".

 Ferrara, Gennaio 2013

lunedì 4 febbraio 2013

Mostra personale Galleria del Carbone a Ferrara dal 2 al 17 febbraio 2013
http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=128955

INTERNATIONAL FAIR FOR CONTEMPORARY ART INNSBRUCK 24-27 FEBRUARY 2012

INTERNATIONAL FAIR FOR CONTEMPORARY ART INNSBRUCK 24-27 FEBRUARY 2012

Allestimento Fiera d'Arte Contemporanea di Innsbruck dal 24 al 27 febbraio 2012-Galleria Gnaccarini

Allestimento Fiera d'Arte Contemporanea di Innsbruck dal 24 al 27 febbraio 2012-Galleria Gnaccarini

Allestimento Fiera d'Arte Contemporanea di Innsbruck dal 24 al 27 febbraio 2012-Galleria Gnaccarini

Allestimento Fiera d'Arte Contemporanea di Innsbruck dal 24 al 27 febbraio 2012-Galleria Gnaccarini

ARTISTINMOSTRA-Fiera di Parma

ARTISTINMOSTRA-Fiera di Parma
26-27 febbraio 4-5-6 marzo 2011

memoria di un corpo

memoria di un corpo
ano 2011-impasto grès-tecnica mista

memoria di volo

memoria di volo
anno 2011-impasto di grès-tecnica mista

Memoria di fiore

Memoria di fiore
anno 2010-Impasto grès patinato

Allestimento Mostra Galleria d'Arte Contemporanea Gnaccarini di Bologna

Allestimento Mostra Galleria d'Arte Contemporanea Gnaccarini di Bologna
15 -30 gennaio 2011

Allestimento Mostra Collettiva "I piaceri dell'immagine" _Palazzo Malvezzi Hercolani-Castel Guelfo

Allestimento Mostra Collettiva "I piaceri dell'immagine" _Palazzo Malvezzi Hercolani-Castel Guelfo
Mostra a cura del Prof. Franchino Falsetti Critico d'Arte

allestimento Mostra Personale Galleria18-Bologna

allestimento Mostra Personale Galleria18-Bologna

Mostra Basilea Galleria Marc de Peuchredon

Mostra Basilea Galleria Marc de Peuchredon

Rassegna d'Arte "Il Grande ascoltatore"

Rassegna d'Arte "Il Grande ascoltatore"
organizzazione e presentazione del Critico Maria Rita Montagnani-Presentazione del libro "Il Grande ascoltatore" di Maria Rita Montagnani-Mostra collettiva di pittura,scultura e grafica digitale.

Allestimento mostra "Il Grande ascoltatore"- Critico Maria Rita Montagnani-Bagnacavallo (Ra)

Allestimento mostra "Il Grande ascoltatore"- Critico Maria Rita Montagnani-Bagnacavallo (Ra)

memoria del corpo 1

memoria del corpo 1

memoria del corpo 1

memoria del corpo 1

memoria del corpo 2

memoria del corpo 2

memoria del corpo 2

memoria del corpo 2

memoria del corpo 3

memoria del corpo 3

memoria del corpo 3

memoria del corpo 3

memoria di danza

memoria di danza